Credereste ad una storia di una “mamma aliena” trovata nella Grande Piramide di Giza? Nel numero di marzo 2000 della rivista egiziana Rose al-Yūsuf , uno strano articolo ha posto la stessa domanda.

Come dice l’articolo, nel 1988 un egittologo francese di nome Louis Caparat stava esplorando l’interno della Grande Piramide quando scoprì per caso una camera segreta. La stanza era stata sigillata poco dopo il completamento della piramide, più di 4500 anni fa, e conteneva “una scatola chiara e cristallina”.

Apparentemente, la scatola cristallina serviva da supporto per la vita di un piccolo alieno umanoide, o ibrido umano-alieno, che si diceva essere in ibernazione o in uno stadio di animazione sospesa. La scoperta di una camera precedentemente sconosciuta all’interno della Grande Piramide sembra intrigante, ma trovare un vero alieno all’interno di esso sarebbe un evento straordinario se credessimo a questo particolare…

Un esame più attento della camera avrebbe rivelato indizi sull’identità del suo antico occupante quando gli archeologi trovarono un rotolo di papiro. Secondo le iscrizioni geroglifiche sulla pergamena, la creatura era in effetti un messaggero extraterrestre arrivato nell’antico Egitto durante il regno del faraone Khufu.
La sua missione era annunciare l’arrivo dei suoi fratelli, che hanno espresso il loro interesse per il popolo egiziano.

Apparentemente, il Faraone teneva il visitatore in grande considerazione, dal momento che il papiro sosteneva che la Grande Piramide era in realtà costruita come un ricettacolo per la capsula di cristallo contenente il piccolo umanoide.

Il fatto che il sistema di supporto vitale funzioni ancora dopo migliaia di anni sostiene la teoria secondo la quale le piramidi sono state costruite con l’aiuto di avanzate tecnologie aliene, e dà anche credito all’idea che le piramidi fungessero da recettori di energia.

Poco dopo la sua scoperta, Caparat chiamò il suo amico e collega, il biologo F. de Braga, che si trovava in Spagna in quel periodo. Si imbarcò sul primo aereo per il Cairo, sperando di ottenere campioni di sangue, tessuti e DNA dall’alieno che stava in ibernazione. Ma quando il suo aereo atterrò, Braga fu prontamente rispedito a Madrid dalle autorità egiziane. L’alieno e la sua bara di cristallo sono stati infine confiscati dal Servizio investigativo sulla sicurezza dello Stato e portati in una località sconosciuta, ed è qui che finisce il sentiero.

Nessun’altra menzione di Caparat o delle camere segrete è stata fatta e l’Egitto non ha offerto alcuna dichiarazione ufficiale su questo episodio.

Ma questo non è né il primo né l’unico incidente in cui un corpo decisamente non umano è stato trovato in una piramide.

Secondo la leggenda, il primo uomo ad entrare nella Grande Piramide di Giza fu un califfo potente di nome Abdullah al-Ma’mun, figlio di Harun al-Rashid. Nell’813 d.C., dopo settimane di duro lavoro manuale, la sua squadra di lavoratori egiziani assoldati, ruppe diversi blocchi di granito e raggiunse una camera funeraria contenente i resti di un alieno umanoide. L’alieno sarebbe stato sepolto con grande rispetto e circondato da oggetti preziosi.

Nei segreti della Grande Piramide , l’autore Peter Tompkins menziona l’evento:

“Alcuni autori arabi riportarono che Al Maunm trovò nel sarcofago una statua di pietra a forma di uomo.

Si dice che all’interno della statua giacesse un corpo che indossava una corazza d’oro con pietre preziose, una spada inestimabile sul petto e un rubino delle dimensioni di un uovo sulla sua testa, che brillava come la luce del giorno.”

Un’altra misteriosa mummia di un essere soprannaturale è stata presumibilmente scoperta in una piccola piramide di El-Lahun, a sud della tomba del faraone Senusret II. Come racconta la storia, Viktor Lubek, un professore in pensione all’Università della Pennsylvania, ha fatto questa scoperta nel 1997, ma ci sono pochissime informazioni disponibili.

La mummia era una creatura fragile, lunga circa 1,5 metri. Era stata sepolta con speciali onori e diversi oggetti intriganti furono trovati all’interno della tomba.

Secondo un articolo pubblicato in un’edizione del 2003 di Weekly World News :

“La mummia risale al 1880 aC ed è umanoide, ma non chiaramente umana. Il suo sesso non è chiaro, ma sappiamo che ha la pelle simile a un rettile, senza orecchie e grandi occhi a mandorla.”

Iscrizioni all’interno della tomba dicevano che la mummia apparteneva ad un essere importante che era stato nominato consigliere del re. Il suo nome era Osirunet, “stella significativa – o inviato dai cieli”.

Il corpo di Osirunet era stato conservato in un modo molto insolito ed era ricoperto da fasce di lino e una miscela di argilla e oro.

Per quanto riguarda gli oggetti sconosciuti trovati all’interno della piramide, sono stati descritti come “dispositivi fatti di un materiale sintetico resistente, che nessuno è stato in grado di identificare, e gli usi di questi strani oggetti simili a macchine sono un mistero completo”.

Questa scoperta è stata particolarmente preoccupante per molti funzionari egiziani, che hanno insistito per tenerli segreti fino a quando non fosse stata trovata una spiegazione plausibile. La mummia doveva essere portata in Florida per un’analisi approfondita, ma quella fu l’ultima volta che qualcuno aveva sentito parlare di Osirunet.

Un incidente simile ha coinvolto un dito mummificato di 38 centimetri, scoperto nel 1988.

Anche se queste storie sembrano assurde o offrono poche prove a sostegno delle loro affermazioni, nel considerare il quadro più ampio presentato dai molti misteri dell’Egitto, sembrano possibili. Alcuni direbbero improbabili, ma possibili.

Quando (e se) gli antichi egizi costruirono le piramidi di Giza, esibirono grandi capacità ingegneristiche, matematiche e astronomiche, e possiamo facilmente vedere come la magnificenza e la precisione dei loro monumenti possano essere attribuite a influenze esterne.

Ma alla fine, si potrebbe dire che tutto è davvero una questione di prospettiva.

source