Con l’avvento dei moderni radiotelescopi, gli esseri umani hanno iniziato a scrutare con sempre maggiore interesse quello che una volta apparteneva a un universo scomparso cercando di carpirne gli inviolabili segreti e perché no, ottenere una volta per tutte la prova definitiva che in fondo potremmo non essere i soli ad aver scoperto il metodo con cui comunicare attraverso il linguaggio universale rappresentato dalla ciclicità matematica di alcuni spari luminosi e dal complesso significato contenuto all’interno di insolite propagazioni radio multi frequenze.

Ora, anche gli astronomi canadesi dell’Università di Laval in Francia hanno avuto modo di rilevare anomali segnali luminosi che sembrano non provenire da stelle lontane ma piuttosto da qualcosa di ancora sconosciuto alla comunità scientifica. Tuttavia, questi strani segnali non sono necessariamente riconducibili a un qualche tipo di intervento comunicativo da parte di rappresentanti di un’intelligenza extraterrestre molto avanzata visto che gli scienziati non escludono che possano essere generati dal malfunzionamento di qualche sonda terrestre in navigazione ai confini del sistema solare.

Secondo gli astrofisici, questi misteriosi segnali radio continuano a manifestarsi periodicamente nello spazio profondo, la cui origine non si presta a una convenzionale spiegazione scientifica. Secondo alcuni astronomi alternativi non è escluso che questi segnali possano provenire da una civiltà molto avanzata i cui rappresentanti starebbero tentanto di instaurare un contatto luminoso con i terrestri.

Se si considera l’enorme distanza che ci separa dal luogo di origine in cui sono stati individuati gli strani spari luminosi non c’è da stupirsi perché non sono stati rilevati prima visto che potrebbero essere stati inviati milioni di anni fa da una civiltà che un tempo si era sviluppata nel nostro vicinato cosmico.

via MisteroUfo