Come riportato dal tabloid britannico The Sun, reperti archeologici suggeriscono che antiche civiltà usavano strutture circolari come dispositivi generatori di energia utili a creare portali spazio-temporali o stargate. Alcuni anni di ricerca suggeriscono che gli esseri umani di migliaia di anni fa producevano frequenze armoniche sonore naturali prodotte dalla superficie della Terra a frequenze di oltre 380 gigahertz, molto più grandi di qualsiasi livello usato oggi.

Immagine correlata
Nel video clip sotto, pubblicato dal canale YouTube UFOmania, il narratore spiega che la civiltà sumera (Iraq) potrebbe aver vissuto in alcune parti dell’Africa meridionale migliaia di anni fa. La tecnologia utilizzata dai Sumeri nel 3000 aC è simile al modo in cui oggi usiamo la tecnologia laser.

Immagine correlata

Strutture circolare scoperte in una zona del Sud Africa, circa 280 km verso l’interno, ad ovest del porto di Maputo (la capitale del Mozambico). Sono i resti di una grande antica città che misurava circa 5 mila km che sembra essere stata costruita da 160 mila a 200 mila anni fa.

Immagine correlata

vortici a spirale vengono trovati in moltissimi monumenti antichi

La scoperta ha lasciato molti scienziati confusi su ciò che questa società precedente avrebbe potuto fare con l’energia sonora ad alta frequenza che avevano creato. Un commento su YouTube recita: “Il suono è stato usato come energia per far levitare gli oggetti per creare i monumenti che hanno aperto i vortici spazio temporali che permettevano alle astronavi aliene di andare e venire. ” Un altro ha aggiunto: “… molte antiche incisioni su roccia hanno mostrato una spirale, che potrebbe essere di qualche tipo di onda sonora.

A cura della Redazione Segnidalcielo