Una delle scoperte più sorprendenti di sempre dei racconti biblici. Secondo alcuni rapporti, i ricercatori sono convinti al 99,99 per cento di aver trovato i resti dell’arca di Noè.

Nella Bibbia, l’Arca di Noè è il vaso nel racconto del diluvio della Genesi con cui Dio risparmia Noè, la sua famiglia, e un residuo di tutti gli animali di tutto il mondo.

Secondo la Genesi, Dio ha dato istruzioni a Noè per costruire l’arca. Sette giorni prima del diluvio, Dio disse a Noè di entrare nell’arca con la sua famiglia e tutti gli animali. La storia continua a descrivere l’arca che rimane a galla per 150 giorni, per poi posarsi sui monti di Ararat alla ritirata delle acque.

Per secoli, gli esploratori, archeologi ed esperti biblici hanno cercato la nave sfuggente, arrivando a credere che fosse nient’altro che un mito.

Arca di Noè trovata sul Monte Ararat

Tuttavia, una squadra di esploratori ‘Cristiana Evangelica’ crede fermamente di aver trovato le prove dell’ Arca di Noè sotto la neve e ai detriti vulcanici sul Monte Ararat, proprio dove la bibbia colloca l’arca.

Paul Zimansky, archeologo specializzato in Medio Oriente a Stony Brook University di New York, ha detto: ” Non so niente riguardo a spedizioni che sono andate alla ricerca del relitto biblico.”

Secondo l’Arca di Noè Ministries International, una squadra con sede a Hong Kong, hanno recuperato pezzi di legno da una struttura massiccia che secondo i primi risultati di datazione al carbonio, risale a circa 4.800 anni. I resti del presunta arca sono stati trovati a circa 13.000 piedi sul livello del mare.

Yeung Wing-cheung, un regista che accompagna gli esploratori, ha detto al Daily Mail: “Non è al 100 per cento che è l’arca di Noè, ma pensiamo che è del 99,9 possa esserlo”

Secondo rapporti, il team di esploratori sostiene di aver trovato nel 2007 e nel 2008 sette grandi scomparti in legno sepolti a 13.000 piedi (4.000 metri) sul livello del mare, nei pressi della cima del monte Ararat.

“La struttura è divisa in diversi spazi”, ha detto un membro del team Ark Ministries International Man-fai Yuen in un comunicato.

“Crediamo che la struttura in legno in cui siamo entrati, è la stessa struttura registrata nella contabilità storica …”

Secondo il team di esploratori, questa è la prova di Noè e il diluvio universale.

“Ho visto una struttura costruita in legno.”

“Ogni tavola era larga circa 20 cm. Ho potuto vedere dei tenoni, la prova di un antico metodo di costruzione prima dell’uso di chiodi di metallo.

“Abbiamo camminato per circa 100 metri in un altro sito. Ho potuto vedere frammenti di legno rotti incastrati nel ghiacciaio, e lunghi circa 20 metri “.

Il gruppo di esploratori è fermamente convinto di aver scoperto le pareti in legno, porte, e scalinate che costituivano l’Arca di Noè circa 4.800 anni fa, sopravvissuto a un cataclisma globale, anche conosciuto come il diluvio universale.

Molte persone dubitano del Diluvio Universale sia mai esistito, la verità è che questa ‘storia’ risale a migliaia di anni fa. Molti hanno familiarità con quello che c’è scritto nei capitoli 6-9 nel libro della Genesi, nella Bibbia. Tuttavia, la verità è che la grande alluvione è menzionata in precedenza in testi completamente diversi.

La leggenda del diluvio racconta l’intenzione di Dio di portare la Terra al suo stato di pre-creazione. L’alluvione è stata inviata sulla Terra come mezzo di un ‘reset’ di essa. Dio manda il diluvio a causa dei misfatti dell’umanità, per poi ricominciare con Noè.

L’alluvione è considerata un capovolgimento della creazione.

Il ‘Diluvio Universale‘ è presente in quasi tutte le culture di tutto il mondo: storie di inondazioni mesopotamici, Deucalione nella mitologia greca, il racconto della Genesi del diluvio, i testi indù dall’India, Bergelmir nella mitologia norrena, e nella tradizione dei K’iche’ e i Maya in Mesoamerica, la tribù Lac Courte Oreilles Ojibwa dei nativi americani in Nord America, e nei cañari in Sud America.

Ma ciò che le persone non sono consapevoli,  è il fatto che la storia più antica e più antica del Grande Diluvio, ha origine nell’antica Sumeria.

Secondo le antiche iscrizioni, era in ‘Eridu,’ la moderna Tell Abu Shahrein in Iraq, dove gli dei crearono la prima città del pianeta. Eridu ha ospitato l’antico sumero Dio Enki, che ha eretto la città nel 5400 aC.

Tuttavia, mentre il team di Hong-Kong crede di aver davvero trovato l’Arca di Noè, gli esperti non sono d’accordo.

Jack Sasson, professore di ebraico e studioso biblico alla Vanderbilt University nel Tennessee ha detto: “L’intera nozione è strana, perché la Bibbia dice che l’arca si è arenata da qualche parte nell’Urartu,” antica parte orientale della Turchia, ” solo più tardi la gente l’ha identificato come Monte Ararat.”

Zimansky è d’accordo, “nessuno ha associato quella montagna all’arca fino al decimo secolo aC”. Poi ha detto aggiungendo che non ci sono prove geologiche per un diluvio di massa in Turchia circa 4.000 anni fa.

Zimansky afferma anche: “gli esploratori internazionali di Noè Ministries International stanno giocando in un campo da baseball molto diverso dal nostro”. “Stanno giocando senza alcuna preoccupazione… ” per i record archeologici, storici e geologici.

Commenta e condividi l’articolo.

Arca di Noè finalmente trovata. I ricercatori ne sono convinti al 99,9%.