Oggi vi raccontiamo l’esperienza di un contatto del terzo tipo, o meglio, un INCONTRO RAVVICINATO del terzo a cui ha assistito una famiglia cilena che si trovava accampata con la tenda nei pressi del lago El Yeso.

Eric Martinez, ricercatore presso la CIFAE, un’organizzazione dedicata alla ricerca di  fenomeni ufologici e paranormali, racconta questo caso di incontro ravvicinato del terzo tipo tra esseri alieni alti circa 3 metri, e una intera famiglia.

L’INCHIESTA CIFAE

El Yeso è un lago situato nelle Ande, ad un’altitudine di 2.500 metri, nel comune di San José de Maipo, Provincia di Cordillera, Regione Metropolitana di Santiago del Cile. Il 1 ° novembre 2018 sarebbe un giorno da non dimenticare per una famiglia che ha deciso di accamparsi nella zona di El Yeso Reservoir.

Spotting lights

La notte peggiore della loro vita è come la ricordano, la famiglia composta da 2 bambini, Bastián di 15 anni e Catalina di 5 anni, avrebbe inizialmente osservato due luci che secondo la loro percezione sembravano farsi strada nel paesaggio naturale, una strana luce di colore bianco e un altra di colore giallo, quello che pensavano fosse possibilmente un qualche tipo di veicolo che stava andando nel posto, ma qualcosa che attirò la loro attenzione, era il colore delle luci.

Da un momento all’altro, le due luci si separarono, avanzando l’una all’altra, nella loro logica avrebbero scartato che le luci erano di un veicolo per il quale pensavano fosse in moto, tuttavia avevano ancora qualche dubbio sull’altra luce gialla.

il luogo dove è avvenuto il contatto extraterrestre

È qui che tutto inizia, da questo momento questa famiglia sarebbe testimone di un contatto del terzo tipo. Le luci si avvicinarono dove la famiglia stava accampata, una sfera di luce si fermò a 60-80 metri di distanza. È qui che la luce bianca si è trasformata in 2 luci raggiungendo un totale di 3 luci color giallo. La famiglia ha commentato che una di queste sfere di luce lampeggiava, come se stesse inviando dei messaggi.

Il contatto

Quando queste luci molto vicine alla zona dove erano accampati, accanto a questa sfere gialle appaiono improvvisamente 5 figure umanoidi, due di loro sono alte circa tre metri molto sottili con braccia e gambe molto lunghe e anche il collo. Un altro essere aveva un’altezza media mentre gli altri 2 erano più bassi. Dicono che gli esseri più alti, con una velocità insolita, sono scomparsi da dove erano (dalla destra e dalla sinistra degli altri esseri) solo gli altri 3 sono rimasti.

Più tardi le luci scomparvero dietro una collina, lasciando una parte del settore illuminata. Più tardi, un’altra luce bianca apparve sul lato ovest, che dopo pochi minuti cominciò a cambiare colore, e con sorpresa comparve anche una seconda luce bianca. Hanno commentato che prima dell’apparizione delle luci si trovavano all’interno della tenda cercando di dormire. Questo era difficile perché stava piovendo e c’era vento forte nella zona.

A parte il vento e la grandine, furono disturbati da una luce che illuminava la tenda dall’esterno. Secondo i testimoni che hanno spiegato agli investigatori del CIFAE la loro esperienza, quella luce li illuminava a volte all’altezza del pavimento della tenda, e in altri momenti illuminava dall’alto. Non sapevano mai di cosa fosse questa luce insistente, dal momento che il clima prevalente in quel momento non poteva permettere alla famiglia di aprire la tenda…

Investigatori del CIFAE effettuano sopralluogo e interviste alla famiglia che ha testimoniato l’Incontro Ravvicinato

Va detto che quella notte c’era una grandinata insolita e il vento stava colpendo molto forte al punto che non potevano più resistere nel stare all’interno. Cosi hanno lasciato la tenda portando i loro due bambini alla macchina per proteggerli. Una volta in macchina inizia l’odissea per la famiglia. Il terrore dell’esperienza può essere visto nei loro volti quando raccontano cosa è successo Il ragazzo di nome Bastian, 15 anni,  ha visto tutto …

Investigatori CIFAE effettuano rilievi sul posto del contatto alieno

Eric Martinez, ricercatore presso la CIFAE

Il CIFAE sta indagando sul caso,  registrando testimonianze e effettuando un rapporto molto complesso di questa esperienza del Terzo Tipo che molto presto renderà di dominio pubblico. Il disegno degli esseri alieni che Bastián ha descritto, è stato fatto grazie al contribuito del CIFAE con l’autorizzazione dei suoi genitori. Il disegno mostrerebbe la presunta conformazione fisica degli esseri che sono stati visti dalla famiglia. La famglia si è recata recentemente sul posto dove è avvenuto l’Incontro Ravvicinato, ovviamente insieme agli investigatori CIFAE.

Indubbiamente un’incredibile testimonianza di un caso spettacolare che deve essere indagato a fondo. Un ringraziamento a Eric Martínez, un ricercatore CIFAE che ci ha permesso di pubblicare questo caso.

A cura della Redazione Segnidalcielo