Siamo forse in vista di un imminente contatto con un’ipotetica civiltà X? E se delle intelligenze superiori avessero iniziato a cercare e sondare degli alternativi ecosistemi come quelli presenti sul pianeta Terra?
Che intenzioni potrebbero avere i rappresentanti di una civiltà X? Qual’è il loro livello di sviluppo e, di conseguenza, quali opportunità ci verrebbero offerte nello stabilire un epocale incontro multiplanetario? E, cosa più importante, l’esistenza di intelligenze extraterrestri potrebbe rappresentare una minaccia per il genere umano? Recentemente la sonda Cassini è riuscita a catturare spettacolari immagini delle lune di Saturno, come Promethius, Atlas, Pan, Daphnes e Thethys che in fondo potrebbero non essere delle lune, ma enormi astronavi extraterrestri progettate per passare inosservate ai telescopi terrestri. Basta citare la luna marziana Phobos che molto probabilmente potrebbe benissimo essere un satellite alieno.  Ora, anche la stampa russa ha deciso di sostenere la teoria secondo la quale il governo degli Stati Uniti e la NASA continuerebbero a nascondere le prove dell’esistenza di una gigantesca astronave aliena che a nostra insaputa starebbe vagando all’interno del nel nostro sistema solare.
In un articolo pubblicato dal The Washington Post l’11 maggio 2001 si leggeva che per più di mezzo secolo il governo degli Stati Uniti avrebbe nascosto le prove documentali di visite extraterrestri, molte delle quali avvalorate anche da numerosi piloti statunitensi in pensione, vertici delle FAA e ufficiali dei servizi segreti. Perché, su 400 militari d’alto rango, solo 20 hanno voluto testimoniare le loro incredibili esperienze ufologiche pur sapendo di sottoporsi al giuramento e quindi perdere l’immunità sancita dal Congresso americano?