Ex consulente della NASA e della NSA dichiara: “abbiamo avvistato una ‘Massiccia Flotta di Astronavi Aliene’ dirette verso la Terra”

0
940

Negli ultimi 12 anni, il Dr. Eric Norton è stato un consulente esterno per la NASA e la National Security Agency (NSA) e la sua descrizione del lavoro che svolgeva includeva il tenere d’occhio le minacce celesti come asteroidi e comete. Ma nel Gennaio 2012 il Dr. Norton vide qualcosa di molto più minaccioso: una massiccia flotta di astronavi diretta verso il nostro mondo.

Il 22 gennaio è stato chiamato all’Osservatorio MacDonald vicino a Fort Davis, in Texas. Utilizzando la vasta gamma di strumenti della struttura, il Dr. Norton è stato in grado di rilevare un gruppo di astronavi non identificate dall’aspetto minaccioso.

Quello che ho visto era una serie di massicce strutture tridimensionali nere nello spazio, in una formazione a linea retta, che avanzava nella direzione del pianeta Terra“.  Norton durante un periodo di tre mesi, ha monitorato le astronavi mentre avanzavano verso le nostre coordinate. Il fatto che gli oggetti “si erano spostati milioni e milioni di miglia più vicino in pochi mesi” suggerì un livello tecnologico di gran lunga superiore a quello delle nostre navicelle spaziali.

Norton afferma che “I dati della spettroscopia hanno suggerito che gli oggetti sconosciuti sono stati costruiti usando materiali diversi,  migliaia di volte più difficili di qualsiasi altro mai sviluppato sulla Terra“. Naturalmente, questa ipotesi ha causato grande preoccupazione tra Norton e i suoi colleghi.

Inoltre, le immagini dello spettro infrarosso hanno mostrato che le particelle cosmiche che colpivano le navi spaziali aliene, sono state deviate da quello che deve essere stato un campo energetico non diverso dal campo magnetico che protegge la nostra Terra. Mentre la flotta avanzava attraverso il nostro Sistema Solare, i telescopi potevano distinguere i loro dettagli in modo molto più accurato e divenne ovvio che assomigliavano a una nave a forma di “L” tridimensionale. A giudicare dalla distanza, questi mezzi devono essere stati enormi.”

A gennaio 2013, gli oggetti avevano superato l’orbita di Marte e sembravano essere diretti verso di noi, ma quando gli oggetti sono semplicemente svaniti dalla vista degli osservatori,  Norton ha ipotizzato subito che questa astronavi erano in possesso di una sorta di dispositivo di occultamento che appunto fosse stato dispiegato, cancellando efficacemente le navi dallo spettro visibile.

Negli ultimi dieci anni circa, tecniche avanzate di camuffamento hanno fatto progressi costanti qui sulla Terra e ci sono molte altre scoperte da fare. Quindi non dovrebbe sorprendere che una civiltà aliena decisamente avanzata possieda una tecnologia che potrebbe renderli fisicamente invisibili.

L’imbarcazione deve aver cambiato anche il loro corso. Quando Norton e il suo team puntarono il telescopio a infrarossi verso l’ultimo punto nello spazio in cui si trovava la flotta di astronavi, non c’era traccia di loro. Come disse una volta Leo Tolstoj, “bisogna essere astuti e malvagi in questo mondo”. Se vivesse oggi, Tolstoj avrebbe considerato anche la scala cosmica.

Norton descrisse nei mesi successivi un periodo di tensione, quando l’unica cosa peggiore di non conoscere la posizione delle astronavi… non era conoscere l’esatta intenzione dei loro occupanti.

Sapevo che i vertici del governo erano preoccupati per queste cose perché ero sotto costante sorveglianza 24 ore su 24 da agenti dei servizi segreti. Per quasi tutto l’anno del 2013 abbiamo guardato i cieli increduli. Non sapevamo cosa stava succedendo o che erano queste cose che aveamo visto nello spazio. Secondo i miei calcoli, queste navi spaziali sarebbero state così vicine a noi ormai che non avremmo avuto problemi a vederli nel cielo notturno se fossero rimasti visibili a noi. Non sapevamo se sarebbero venuti ancora o se avessero lasciato il sistema solare. “

Circa un anno dopo, Norton fu contattato da un ex collega che rivelò il fatto che la flotta era di nuovo visibile e si era posizionata dietro la luna. Gli consegnò anche un rapporto interno che menzionava un oggetto enorme che veniva “verificato visivamente come se fosse atterrato sulla nostra luna”.

Lo stesso rapporto comunicava che il Dipartimento della Difesa ordinò il lancio di tre razzi Terrier-Orion dal Wallops Flight Facility della NASA tra l’1 e il 5 e poi il 15 gennaio 2014. I lanci erano stati eseguiti con la massima segretezza e la loro missione rimane sconosciuta al grande pubblico.

Il Dr. Norton ha delineato il fatto che la sua rivelazione potrebbe rivelarsi pericolosa. “Devo stare attento a quali informazioni fornisco al pubblico in modo da potermi proteggere”. Crede anche che le informazioni sensibili che trasmette possano potenzialmente dare un duro colpo all’opinione pubblica riguardo al fenomeno UFO.”

“Questa sarebbe una preoccupazione se rivelata al pubblico” – dichiara Norton – “non cambierebbe solo il gioco per sempre, e non stiamo solo parlando della rottura di tutte le religioni e del totale di tutto ciò che abbiamo mai conosciuto sull’universo e lo spazio, ma stiamo parlando della rottura della società stessa. Stiamo parlando di un argomento che fino ad oggi porta con sé un livello di incredulità nella maggior parte della comunità mondiale“.  Sebbene le affermazioni di Norton siano decisamente scioccanti, offre poche prove per sostenerle. Ma Norton ammette anche che: “un intervento extraterrestre di questa portata sarebbe adatto a rompere il “muro di gomma”,  di cosa il governo o i governi sono stati in grado di mantenere un grande segreto per oltre 70 anni.  Immagino che non lo sapremo finché non atterreranno.”

A cura della Redazione Segnidalcielo