L’astronoma italiana che studia le onde gravitazionali: “Altre vite? È statistica…”

L’esplorazione dello spazio di Lina Tomasella è partita dal sottosuolo: «In effetti la prima passione è stata la biologia e facevo la speleologa nelle grotte di Veneto e Friuli.

La bio-speleologa esattamente». Adesso è passata dall’altra parte dei misteri dell’esistenza: è ricercatrice presso l’Inaf-Osservatorio Astronomico di Padova, nonché coordinatrice e responsabile delle attività dell’osservatorio di Asiago, quello che ha i più grandi telescopi ottici d’Italia. In più è nel Gruppo Italiano Gravita, che si occupa degli studi sulle onde gravitazionali, nei quali il nostro Paese ha raggiunto i risultati raccontati giusto due giorni fa. Grazie allo strumento Virgo, a Cascine.

E dunque, cosa scopriremo ancora adesso?

«Beh, chi può dirlo. Negli ultimi anni le scoperte aumentano. E così anche i misteri».

Come si comincia a fare l’astronoma?

«Essendo appassionati di scienze, naturalmente. Io in realtà sapevo di voler fare la ricercatrice e ho partecipato anche alla prima edizione del concorso per i giovani scienziati d’Europa, nel 1989. L’ho vinto con uno studio sulla tossicità dei coloranti».

E lo spazio che c’entra?

«Tutto c’entra con lo spazio. Diciamo che un dottorato un Astrofisica ha cambiato la mia strada».

Negli ultimi tempi le notizie in arrivo dall’universo si sono moltiplicate…

«Certo, è perché abbiamo ancora più conoscenze. Poi ci sono segnali spaziali che ancora non riusciamo a capire, ed è per quello che sogniamo che arrivino da qualche civiltà extraterreste».

Però?

«Però prima di tutto uno scienziato deve studiare e catalogare; e col tempo si riescono a capire cose incomprensibili. Prendiamo come esempio le pulsar, oggetti densi che ruotano velocemente. All’inizio non si sapeva come fossero: funzionano come un faro, il segnale arriva con periodo rotazione. Facile pensare che possa essere un messaggio da un’altra specie. Poi però sono stati fatti i calcoli, e…».

Lo spazio è matematica?

«Sicuramente: quello è il motore. Anzi: è il linguaggio con cui l’universo si esprime. Esistono delle costanti che ormai sono conosciute. E ci aiutano a capire ciò che sembra imperscrutabile».

Per esempio?

«La struttura dell’universo è a spugna, con vuoti e filamenti che contengono le galassie. Tutto rispecchia le condizioni iniziali della sua formazione e le successive evoluzioni. Il Big Bang ha insomma dato le regole base, il resto è equazione».

Ora sappiamo anche che esistono pianeti abitabili.

«Dal 1995 ad oggi, quando è stato scoperto il primo, le tecniche si sono raffinate. Presto, grazie ai nuovi telescopi, potremo studiare anche la loro atmosfera».

Lo spazio è matematica: ma è anche filosofia?

«Noi siamo scienziati, le interpretazione personali non lo sono. Noi studiamo e arriviamo a un punto. Per dire: ciò che era prima del Bing Bang non è scienza perché i modelli matematici in questo caso possono dare risposte, ma non certezze».

Sì, ma l’astronomo si fa delle domande?

«Ma certo: la curiosità è il motore della nostra professione. Scienza e religione sono cose separate. Però arrivi un punto in cui qualche domanda te la fai, anche se il nostro compito è dare risposte attraverso i dati».

E la domanda resta sempre la stessa.

«Se c’è vita nell’universo? Certo, è una questione statistica: con così tanto spazio e così tanti soli, ci sono tantissimi pianeti. La difficoltà dalle difficoltà di comunicazione vista la distanza e dal rapporto spazio-tempo. E curvare l’universo per trovare scorciatoie per ora è pura fantasia».

Quindi, gli alieni…?

«Esistono. Lo dice la matematica».

Fonte

via NuovoUniverso

loading...