Uno scienziato della NASA ha apertamente parlato della vita aliena e della possibilità di visite aliene in uno studio pubblicato online di recente,ha criticato i colleghi perché continuano a “ignorare la rilevanza” degli avvistamenti UFO.

Il nuovo articolo scientifico pubblicato da Silvano P. Colombano del Nasa Ames Research Center sostiene che molti avvistamenti UFO meritano di essere presi sul serio, e non dovrebbero essere liquidati come la maggior parte degli avvistamenti.

Silvano P. Colombano ha anche spiegato che non tutti gli avvistamenti UFO possono essere spiegati o negati, e gli alieni potrebbero aver già visitato la Terra, senza che nemmeno noi ce ne accorgiamo.

Inoltre, il ricercatore spiega che gli alieni potrebbero sembrare totalmente diversi da come li immaginiamo e aver sviluppato una tecnologia estremamente avanzata che consente loro di percorrere grandi distanze e, molto probabilmente, non riusciremo nemmeno a cogliere il loro livello di avanzamento tecnologico.

“Voglio semplicemente sottolineare il fatto che l’intelligenza che potremmo trovare e che potrebbe scegliere di trovarci (se non lo ha già fatto) potrebbe non essere affatto prodotta da organismi basati sul carbonio come noi,” il Professor Colombano, di Nasa’s Ames Research Center in California, ha scritto .

“Come potrebbero cambiare le ipotesi  sui viaggio interstellare? La nostra tipica durata della vita non sarebbe più limitata (anche se questi viaggi potrebbero essere affrontati con missioni multigenerazionali o animazioni sospese), e la dimensione di “esploratore” potrebbe essere quella di un’entità superintelligente estremamente piccola “.

Per comprendere come potrebbe essere la tecnologia aliena non è necessario guardare alla nostra tecnologia attuale, ma cercare di immaginare come il progresso tecnologico possa progredire attraverso milioni di anni.

Il professor Colombano spiega che gli alieni che vivono altrove nell’universo potrebbero abitare esopianeti molto più antichi della terra, il che significa che la loro tecnologia è stata sviluppata attraverso milioni di anni di progressi.

“Considerando inoltre che lo sviluppo tecnologico nella nostra civiltà è iniziato solo circa 10.000 anni fa e ha visto l’ascesa delle metodologie scientifiche solo negli ultimi 500 anni, possiamo supporre che potremmo avere un problema reale nel prevedere l’evoluzione tecnologica anche per i prossimi mille anni , per non parlare di 6 milioni di volte in più “, ha spiegato il professore.

“Anche se la velocità della luce continua a essere una barriera inviolabile, in un arco di migliaia di anni le civiltà potrebbero probabilmente fare viaggi interstellari”, ha aggiunto il professor Colombano.

E tutto ciò che i ricercatori del NASA Ames Research Center in California hanno presentato ha molto senso.

Gli alieni che vivevano su lontani esopianeti situati a centinaia di anni luce di distanza avrebbero potuto progredire attraverso un progresso tecnologico che sulla Terra non si può nemmeno pensare.

Immagine: consumo energetico stimato in tre tipi di civiltà definite dalla scala di Kardashev. Immagine di credito: Wikimedia Commons. CC BY-SA 3.0.

Gli alieni che vivono su lontani pianeti extrasolari nell’universo potrebbero essere  civiltà di Tipo II o Tipo III secondo la scala di Kardashev , che è un metodo per misurare il livello di avanzamento tecnologico della civiltà basato sulla quantità di energia che una civiltà è in grado di utilizzare.

Fonte: www.ancient-code.com 

via PianetaBluNews