Luci colorate sospese nel cielo . Oggetti sconosciuti che si muovono velocemente. Velivoli ignoti di forma sferica, triangolare o a boomerang. C’è di tutto , nella raccolta annuale di avvistamenti realizzata dal gruppo di ricerca canadese UFOlogy Research di Manitoba. Il Canadian UFO Survey  del 2017 riporta ben 1101 segnalazioni – praticamente, tre al giorno. Tra i testimoni, anche i piloti di due aerei di linea, un fisico delle particelle e un meteorologo, tutti soggetti ritenuti capaci di osservare il cielo con discernimento e di fare valutazioni sensate.

L’indagine contiene vari dati statistici: la regione con la punta massima di avvistamenti è il Quebec con 518 casi, mentre le città in testa alla classifica sono Montreal, Toronto, Vancouver e Edmonton. Le fonti utilizzate per stilare il rapporto sono varie: notizie pubblicate sui giornali o sul web, documenti governativi, foto e racconti diretti di chi ha osservato il fenomeno. Tutti questi dati sono poi catalogati per luogo, tipo di incontro ravvicinato, credibilità dei testimoni e vengono analizzati. Così, dice il rapporto, almeno un terzo delle segnalazioni è subito risultato spiegabile in modo semplice e razionale: l’anomalia ad esempio era un drone o un fenomeno astronomico.

Altrettanti sono i casi che non contengono elementi sufficienti per poter essere presi in esame. Altri, poi, per la stravaganza dell’avvistamento riportato o la scarsa affidabilità di chi lo racconta, vengono ritenuti  di poca rilevanza. Ma di questi oltre mille avvistamenti, una piccola percentuale- l’8 per cento– è classificata ‘non spiegabile’, mentre l’1 per cento  viene invece definito “ di altà qualità”.  “Non è un cittadino medio che vede una luce in cielo, è qualcuno con una buona esperienza nell’osservazione della volta celeste che vede qualcosa di un po’ più strutturato”, ha spiegato a CTVNews Chris Rutkowski, lo scrittore che nel 1989 ha promosso il progetto. Insomma, casi molto interessanti, anche se- viene sottolineato- non c’è alcuna prova che dimostri l’origine extraterrestre dell’avvistamento.

L'INGRANDIMENTO DI UNA LUCE FOTOGRAFATA LO SCORSO NOVEMBRE

L’INGRANDIMENTO DI UNA LUCE FOTOGRAFATA LO SCORSO NOVEMBRE

Uno dei casi più misteriosi e meglio documentati, ad esempio, risale allo scorso 23 settembre quando dieci campeggiatori hanno riferito un fenomeno inspiegabile:  vicino a Saint-Jean-Baptiste, nel Quebec, verso le otto di sera avrebbero visto un oggetto di forma piramidale e molto brillante avvicinarsi a loro fluttuando a mezz’aria. Tutti quanti hanno raccontato che il bizzarro oggetto, rimasto sospeso sopra tende e roulotte per alcuni secondi, emetteva una intensa luce rossa. Un istante dopo, però, quella luce ha iniziato a tremolare e la piramide è scomparsa alla vista.

Tra gli altri episodi valutati di alta qualità, c’è poi l’incontro ravvicinato con alcune sfere colorate riferito da due persone a French River, nell’Ontario, nel tardo pomeriggio del 5 gennaio 2017. Quegli orb sono rimasti visibili per almeno 10 minuti e ad un certo punto si sono mossi in direzione dei testimoni aleggiando sopra di loro prima di andarsene. “I due erano molto spaventati”, riferisce il Canadian UFO Survey. Immaginiamo la sorpresa anche degli equipaggi di due diversi voli di linea che il 15 marzo, mentre volavano a nordest di Enderby, nella British Columbia, hanno visto una luce stroboscopica bianca e brillante sopra il loro aereo, ma sui radar non appariva alcun velivolo nelle vicinanze.

E poi, ancora, un oggetto luminoso a forma di V è stato osservato da un fisico universitario, insieme ad altri due testimoni, muoversi silenzioso sopra i tetti di Montreal;  due persone hanno visto per svariati minuti la silhouette scura di un velivolo di forma triangolarestagliarsi nel cielo di Stewiacke, in Nuova Scozia; ancora in Quebec, a Rimouski, qualcuno ha visto e fotografato un oggetto rotante a forma di ciambella. “Gli UFO sembrano esserci ancora, non se ne sono andati. E la gente continua a vederli, anzi, il loro numero nel tempo non sembra diminuire”, ha commentato Rutkowski.

LO SCRITTORE CHRIS RUTKOWSKI

LO SCRITTORE CHRIS RUTKOWSKI

Perché? Forse perché la gente guarda il cielo con più attenzione e nota i droni e gli altri strumenti della tecnologia moderna, compresi i mezzi militari segreti. Forse perché con internet è diventato più semplice diffondere le notizie e anche le informazioni relative a strani fenomeni si sono moltiplicate. O forse semplicemente perché ci sono più UFO nei nostri cieli e sono fisicamente osservabili dai testimoni, chiosano i ricercatori canadesi.

SABRINA PIERAGOSTINI

via Extremamente