La Bibbia, le macchine volanti e come Enoch e il profeta Elia furono “portati ai cieli”

0
339

Quando leggi i testi scritti migliaia di anni fa e li trovi menzionare carri di fuocofuocofumo e esseri misteriosi, non puoi fare a meno di chiedersi se gli antichi stessero parlando o meno di visite aliene.

Gli autori che di solito sono convinti dell’esistenza di una visita aliena scritta in importanti opere letterarie come la Bibbia sostengono che la storia è trasmessa parzialmente, e che parti importanti dei testi antichi sono state completamente omesse.

In questo articolo, diamo un’occhiata a tre personaggi biblici importanti che sembrano aver avuto contatti con esseri extraterrestri durante la loro vita.

Due di loro, secondo il testo sacro, furono portati via in cielo e non tornarono più sulla Terra.

Il terzo, Ezechiele, è stato testimone di ciò che molti ritengono sia la prova definitiva di “astronavi” che arrivano sulla Terra migliaia di anni fa:

“4 Ho guardato, e ho visto una tempesta che veniva dal nord: un’immensa nuvola con lampi lampeggianti e circondata da una luce brillante. Il centro del fuoco sembrava metallo incandescente, “5  e nel fuoco c’erano quelle che sembravano quattro creature viventi. In apparenza la loro forma era umana … ”

Enoch: Antichi astronauti … Rapimenti?

 

Il patriarca Enoch (Gen 17,18: 24) e il profeta Elia (Re 2:13) sono menzionati come se fossero stati portati nei cieli.

Troviamo prove scritte su come il profeta Elia fu rapito da “un carro di fuoco“.

Mentre leggiamo questi incredibili racconti storici, troviamo innumerevoli domande con poche o nessuna risposta.

Dove sono andati Enoch ed Elia? Perché sono scomparsi misteriosamente e senza lasciare traccia? Che cosa vide e descrive Ezechiele esattamente?

E c’è anche una remota possibilità che la Bibbia provi, in un modo o nell’altro, l’esistenza dell’Antico contatto alieno?

Diamo un’occhiata a Enoch e alla sua misteriosa scomparsa menzionata in Genesi 5: 18:24.

Passiamo alla Bibbia CEI e vediamo cosa è stato scritto in passato.

Dio prende Enoch

18  Iared aveva centosessantadue anni quando generò Enoch;

19 Iared, dopo aver generato Enoch, visse ancora ottocento anni e generò figli e figlie.

20 L’intera vita di Iared fu di novecentosessantadue anni; poi morì.

21 Enoch aveva sessantacinque anni quando generò Matusalemme.

22 Enoch camminò con Dio; dopo aver generato Matusalemme, visse ancora per trecento anni e generò figli e figlie.

23 L’intera vita di Enoch fu di trecentosessantacinque anni.

24 Poi Enoch cammino con Dio e non fu più perché Dio l’aveva preso.

Genesi 5: 24 è di fondamentale importanza in quanto indica chiaramente che Dio ha portato via Enoch. Non menziona Enoch morto. Menziona che era, in qualche modo, rapito.

Questo è davvero importante perché possiamo vedere in Genesi 5 3:23 che Adamo, che era vissuto per il 930, morì. Seth, il figlio di Adamo visse per 912 anni e morì. Si crede che Enosh, figlio di Seth, abbia vissuto per 905 anni e sia morto.

Fino alla fine di Enoch, (Genesi 5:24) i discendenti di Adamo morirono dopo aver vissuto una vita estremamente longeva. Tuttavia, Enoc non morì, come è scritto nella Genesi: ” Enoc camminava fedelmente con Dio; poi non era più perché Dio lo aveva portato via. ”

La domanda rimane, dove è andato? Dove è stato portato Enoch? E chi lo ha portato via? Era davvero Dio?

La scomparsa del profeta Elia

Se diamo un’occhiata a 2 Re 2:13 troveremo un’altra storia incredibile.

Di nuovo ci rivolgiamo alla Bibbia CEI per vedere cosa è stato scritto in passato.

Elia, portato in cielo

1 Poi, volendo Dio rapire in cielo in un turbine Elia, questi partì da Gàlgala con Eliseo.

2 Elia disse a Eliseo: «Rimani qui, perché il Signore mi manda fino a Betel». Eliseo rispose: «Per la vita del Signore e per la tua stessa vita, non ti lascerò». Scesero fino a Betel.

3 I figli dei profeti che erano a Betel andarono incontro a Eliseo e gli dissero: «Non sai tu che oggi il Signore ti toglierà il tuo padrone?». Ed egli rispose: «Lo so anch’io, ma non lo dite».

4 Elia gli disse: «Eliseo, rimani qui, perché il Signore mi manda a Gerico». Quegli rispose: «Per la vita del Signore e per la tua stessa vita, non ti lascerò». Andarono a Gerico.

5  I figli dei profeti che erano in Gerico si avvicinarono a Eliseo e gli dissero: «Non sai tu che oggi il Signore ti toglierà il tuo padrone?». Rispose: «Lo so anch’io, ma non lo dite».

6  Elia gli disse: «Rimani qui, perché il Signore mi manda al Giordano». Quegli rispose: «Per la vita del Signore e per la tua stessa vita, non ti lascerò». E tutti e due si incamminarono.

7 Cinquanta uomini, tra i figli dei profeti, li seguirono e si fermarono a distanza; loro due si fermarono sul Giordano.

8 Elia prese il mantello, l’avvolse e percosse con esso le acque, che si divisero di qua e di là; i due passarono sull’asciutto.

9 Mentre passavano, Elia disse a Eliseo: «Domanda che cosa io debba fare per te prima che sia rapito lontano da te». Eliseo rispose: «Due terzi del tuo spirito diventino miei».

10 Quegli soggiunse: «Sei stato esigente nel domandare. Tuttavia, se mi vedrai quando sarò rapito lontano da te, ciò ti sarà concesso; in caso contrario non ti sarà concesso».

11 Mentre camminavano conversando, ecco un carro di fuoco e cavalli di fuoco si interposero fra loro due. Elia salì nel turbine verso il cielo.

12 Eliseo guardava e gridava: «Padre mio, padre mio, cocchio d’Israele e suo cocchiere». E non lo vide più. Allora afferrò le proprie vesti e le lacerò in due pezzi.

Le informazioni di cui sopra possono essere interpretate in diversi modi.

Da un punto di vista degli antichi astronauti, sembra chiaro che potremmo aver appena letto su tecnologie male interpretate. Cose che persone migliaia di anni fa non capivano, e quindi attribuite a Dio l’Onnipotente.

Da un punto di vista biblico, tuttavia, ci sono importanti dettagli da considerare.

Perché Enoch è scomparso?

Perché è stato prelevato dalla Terra? Non è morto, quindi dove è andato?

Per rispondere a queste domande, gli studiosi della Bibbia sostengono che dobbiamo tenere presente che questo specifico patriarca è il settimo della lista dei discendenti di Adamo.

Il numero sette è una figura simbolica nella Bibbia che significa “perfezione”. Secondo Biblestudy.org ,

Usato 735 volte (54 volte nel solo libro di Rivelazione), il numero 7 è il fondamento della parola di Dio. Se includiamo con questo conteggio quante volte viene usato ‘sevenfold’ (6) e ‘settimo’ (119), il nostro totale salta a 860 riferimenti. Sette è il numero di completezza e perfezione (sia fisica che spirituale). Deriva molto del suo significato dall’essere legato direttamente alla creazione di Dio di tutte le cose. Secondo alcune tradizioni ebraiche, la creazione di Adamo avvenne il 26 settembre 3760 aC (o il primo giorno di Tishri, che è il settimo mese del calendario ebraico). La parola “creato” viene usata 7 volte per descrivere l’opera creativa di Dio (Genesi 1: 1, 21, 27 tre volte; 2: 3; 2: 4). Ci sono 7 giorni in una settimana e God’s Sabbath è il 7 ° giorno.

Si ritiene che coloro che componevano l’elenco genealogico dei discendenti di Adamo erano i sacerdoti di Gerusalemme, che erano estremamente attaccati al simbolismo, motivo per cui davano grande importanza ai numeri e allo studio della numerologia.

Il settimo Patriarca era qualcuno che doveva essere in un certo modo perfetto, pulito, ed è per questo che si dice che Dio abbia portato Enoc nei cieli in modo che non si contaminasse con la malvagità dell’uomo sulla Terra.

La storia del profeta Elia potrebbe essere ancora più affascinante. Come la storia ci dice, quando Elia prevedeva che la sua morte era vicina, camminò sulle rive del fiume Giordano in compagnia del suo discepolo Eliseo.

All’improvviso, dal nulla, un carro celeste con cavalli di fuoco scese dal cielo, raccolse Elia e scomparve nel cielo, davanti allo stupore di Eliseo e di altri che assistettero al fenomeno ultraterreno.

Materiale di lettura aggiuntivo: Visione di Ezechiele e il Carro di fuoco

via Ufo e Alieni