Il nostro pianeta potrebbe diventare un globo in miniatura di 100 metri di diametro se si verifica un particolare evento di accelerazione di particelle, ha avvertito uno scienziato di primo piano.

Il professor Martin Rees ha detto che il pianeta potrebbe restringersi per compattare la sua massa se un esperimento avanzato andasse storto.

Ha fatto questa dichiarazione nuovo libro ” On the Future: Prospects for Humanity ” , che affronta tutti i tipi di minacce planetarie, come il cambiamento climatico, la guerra e la tecnologia dell’ intelligenza artificiale.

Il professor Rees ha detto che c’è una possibilità che quando gli scienziati eseguono esperimenti che vedono atomi schiacciati per creare quark, i costituenti fondamentali della materia, potrebbe esserci una conseguenza non intenzionale.

Ha detto che questi esperimenti potrebbero portare all’Armageddon sulla Terra, innescando una reazione a catena di eventi catastrofici.

Il cosmologo Martin Rees,

Rees ha detto l’acceleratore di particelle (LHC) al CERN, presenta questo rischio, affermando:

Lo spazio vuoto – ciò che i fisici chiamano vuoto – è molto più che il nulla. È l’arena per tutto ciò che accade. Ha latente in esso tutte, le forze e le particelle che governano il mondo fisico. Il vuoto presente può essere fragile e instabile.

Forse potrebbe formarsi un buco nero per poi risucchiare tutto quello che c’è intorno.

La seconda possibilità spaventosa è che i quark si raggruppino in oggetti compressi chiamati strangelet .

Questo di per sé sarebbe innocuo. Tuttavia, secondo alcune ipotesi, uno strangelet potrebbe, per contagio, convertire qualsiasi altra cosa incontrata in una nuova forma di materia, trasformando l’intera Terra in una sfera iperdensa di circa cento metri di diametro.

Alcuni hanno ipotizzato che l’energia concentrata creata quando le particelle si scontrano insieme potrebbe innescare una “transizione di fase” che distruggerebbe la struttura spaziale. Questa sarebbe una calamità cosmica non solo terrestre.

Tuttavia, il professor Rees ammette che particelle di energia più elevata vengono create nello spazio senza conseguenze catastrofiche. Ma ha detto che l’attuale comprensione della fisica nel mondo in quest’area è ancora “instabile”, aggiungendo che non può valutare la probabilità che il mondo finisca in questo modo.

Il professore continua:

“L’innovazione è spesso pericolosa, ma se non rinunciamo ai rischi possiamo rinunciare ai benefici.

Tuttavia, i fisici dovrebbero essere cauti nell’eseguire esperimenti che generano condizioni senza precedenti, anche nel cosmo.

Allo stesso modo, i biologi dovrebbero evitare di creare agenti patogeni geneticamente modificati potenzialmente devastanti per la modifica su larga scala della linea germinale umana.

Molti di noi sono inclini a respingere questi rischi come fantascienza, ma considerando le probabilità, non possono essere ignorati, anche se considerati altamente improbabili.”

source

via HackTheMatrix