L’anno scorso a Settembre Elon Musk è entrato in uno stadio di Guadalareja, in Messico, e ha presentato il futuro programma per colonizzare Marte con la sua società SpaceX. Il piano di Musk è molto ambizioso ed è quello di spedire 1 milione di persone sul pianeta rosso come una sorta di ‘unità di backup‘ per la Terra a costi che si aggirano intorno a 100.000 – 200.000 dollari (tra 100- 200 mila euro) a persona, come riferisce la rivista Business Insider.

Immagine correlata

Risultati immagini per Space Ark, elon ark, Mars

Immaginate, 1 milione di persone che hanno bisogno di grandi infrastrutture basate su terreni, l’unica domanda è: chi gestirà, dirigerà e costruirà questi servizi e servizi necessari per colonizzare Marte?

Secondo Musk sono questi primi colonizzatori i veri “costruttori”, i primi gruppi di persone che voleranno su Marte con l’ITS – Sistema di Trasporto Interplanetario SpaceX di Musk, ma le domanda vengono spontanee: cosa succede con le enormi quantità di payload necessarie per costruire una tale struttura enorme? Spediranno decine e decine di navette spaziali payload dalla Terra a Marte in grado di supportare i primi gruppi di persone nella fase di base-building?

Immagine correlata

È questo il modo per realizzare una colonizzazione di una civiltà sconvolgente su Marte o l’esistenza di una civiltà scomparsa (dalla Terra) è già ben consolidata nello spazio?  C’è un programma spaziale segreto che è collegato non solo agli UFO, ma in qualche modo a una civiltà scomparsa?

Immagine correlata

Sì, C’è davvero un tale programma. Questo programma parte dei Blak Project finanziati con “budget neri” (finanziamenti occulti)  non è una semplice estensione delle normali operazioni del governo statunitense o militare, tanto meno della NASA. Invece sembra essere il prodotto di quello che lo storico ricercatore Richard Dolan ha precedentemente definito una «civiltà scomparsa», una struttura radicalmente avanzata e sempre più separata che possiede un accesso alla scienza classificata e ai dati negati al pubblico.

Una cosa è certa: qualche agenzia o gruppo ha operato con veicoli spaziali che sono ben oltre le capacità di qualsiasi velivolo noto. Non è un caso che il nostro pensiero va al famoso Solar Warden, la Flotta spaziale terrestre che viene nascosta al mondo intero, composta da astronavi costruite con i Blak Budget, i finanziamenti occulti.

Immagine correlata

Google immagina la sua futura base su Marte?

E anche se non si può dimostrare, piuttosto che i primi gruppi di persone stanno andando a costruire una mega struttura sul pianeta rosso, potrebbe essere possibile che stanno già utilizzando questi veicoli segreti spaziali avanzati per fa volare persone (i costruttori) e il carico utile su Marte, per Costruire le strutture di base per la civiltà “ricca”, che seguirà dopo, andando ad abitare quando quest’ultima sarà pronta, usando il sistema di trasporto interplanetario di Musk.  Sarà interessante vedere come Musk realizzerà una struttura di base su Marte adatta a 1 milione di persone, senza l’aiuto di ‘terzi’!

A cura della Redazione Segnidalcielo

RESTA AGGIORNATO SU TUTTI I NOSTRI ARTICOLI. METTI UN LIKE
loading...