MARTE, fotografie scattate dal Rover Curiosity sembrano mostrare “fossili marini”

0
41

Le immagini che vi mostriamo, sono state analizzate dal ricercatore UFO Paranormal Crucibe, che si è imbattuto in un possibile artefatto mentre stava sfogliando i dati grezzi delle immagini dal Rover Curiosity.

“Quello che io credo che stiamo vedendo è un possibile fossile di stella marina. Questi tipi di fossili marini sono abbondanti sulla Terra, con dimensioni che variano da quattro centimetri a più di dieci pollici. Circa 2.000 specie vivono negli oceani delle terre da sole”, ha dichiarato Paranormal Crucibe.

fotografia scattata dal Rover Curiosity su Marte, mostra un artefatto simile a un fossile di stella marina

“Durante i miei anni di ricerche sulla vita passata di Marte, ho trovato numerosi artefatti che ricordano fossili terrestri, che vanno dai fossili umani e animali, agli insetti e alle piante, questo potrebbe indicare che Marte aveva una vasta gamma di animali, piante e oceani nel suo lontano passato.”

I confronti delle immagini sottostanti indicano chiaramente una netta somiglianza tra il fossile trovato su Marte e quello trovato proprio qui sulla Terra. La NASA aveva dichiarato che un enorme lago ghiacciato era stato scoperto sul pianeta rosso, la quantità di acqua in questo deposito è pari a quella del Lago Superiore, ed è stata valutata utilizzando un radar a bordo di un veicolo spaziale della NASA in orbita attorno a Marte.

Un recente studio scientifico suggerisce inoltre che oltre un terzo di Marte era un tempo coperto da un enorme mare, miliardi di anni fa. Gli scienziati hanno calcolato che l’antico mare copriva il 36% della superficie del pianeta e conteneva circa 124 milioni di chilometri cubi di acqua.

Se questi studi scientifici sono corretti, è del tutto ragionevole supporre che Marte possa aver ospitato una varietà di vita marina, possibilmente molto simile alla terra. “Non ho idea se questo artefatto sia in realtà un autentico fossile di qualche creatura marina marziana esotica, ma somiglia molto a qualcosa del genere, e posso solo concludere giudicando dalle prove che io e altri ricercatori abbiamo scoperto. La nostra  conclusione è che siamo convinti che Marte abbia ospitato la vita molto simile alla  nostra. Ma allora perché la NASA non può dire le cose come stanno? ” ha concluso il ricercatore.

A cura della Redazione Segnidalcielo