Mohenjo-Daro: un’antica città distrutta da un attacco nucleare migliaia di anni fa?

0
43

È possibile che Mohenjo-Daro, un’antica città appartenente alla civiltà della valle dell’Indo, sia stata distrutta da un attacco nucleare migliaia di anni fa?

Solo sette anni dopo la prima esplosione atomica nel Nuovo Messico, il fisico teorico Robert Oppenheimer, una delle persone spesso nominate “padre della bomba atomica” stava tenendo una conferenza all’Università di Rochester.

In quella occasione, uno studente gli chiese se il primo ordigno nucleare esploso fosse quello di Alamogordo, durante il Progetto Manhattan. Il Dr. Oppenheimer risponde: Beh … sì. Nei tempi moderni, sì, certo.

Cosa voleva dire il dottor Oppenheimer? Se consideriamo letteralmente la risposta del fisico teorico, significa che nell’antichità le bombe nucleari, o varianti di esse, esistevano tra civiltà antiche.

Di conseguenza, questo ci porta ad una delle domande più importanti che molti di noi hanno provato a non chiedere mai: l’umanità è stata visitata nel lontano passato da altre civiltà oltre la Terra. E se sì, queste antiche civiltà hanno davvero tecnologie avanzate come le bombe nucleari?

Mohenjo-Daro distrutta da un attacco nucleare

Nell’attuale Pakistan, nelle vicinanze delle rive del fiume Indo, possiamo trovare uno dei siti archeologici più enigmatici sulla superficie del pianeta, che un tempo apparteneva a una delle più antiche civiltà del Terra, la Valle dell’Indo civiltà: Mohenjo-Daro.

Insieme a Harappa si trova a circa seicento chilometri più a nord-est, Mohenjo-Daro e Harappa sono due delle più antiche città antiche che appartenevano alla civiltà della valle dell’Indo.

È interessante notare che se c’è qualcosa di sorprendente a Mohenjo-Daro, allora è la completa assenza di edifici che possono essere identificati come templi o palazzi o qualsiasi tipo di simbolismo che possa essere associato a tale.

Gli archeologi sostengono che tutti gli edifici seguono un modello uniforme, evidenziando la sua costruzione in mattoni di adobe senza ornamenti e finestre, il tutto all’interno di una pianificazione urbana molto più avanzata di quella di qualsiasi altra civiltà antica migliaia di anni fa, con ampi viali e strade rettilinee (molti di loro perfettamente lastricate), con edifici rettangolari che erano tutti dotati di una rete di sistemi di drenaggio, canali, condutture e fognature, ecc.

È interessante notare che, proprio come l’antica civiltà sumera, la valle dell’Indo sembrava essere emersa all’improvviso, senza alcuna traccia di una precedente evoluzione prima dell’apparizione di Harappa e Mohenjo-Daro.

Ma se l’apparenza di una civiltà così sorprendente rimane un mistero, la loro scomparsa è ancora più affascinante e inizialmente è stata attribuita all’arrivo di popoli invasori di origine indoeuropea.

Ma molti ricercatori sostengono che qualcosa di completamente diverso sia successo a Mohenjo-Daro.

Dobbiamo solo dare un’occhiata agli antichi testi vedici, una serie di antichi scritti sanscriti che sono considerati doni degli dei, in cui troviamo riferimenti che possono aiutare a raggiungere il fondo dei numerosi misteri che circondano Mohenjo-Daro e la civiltà nella valle dell’Indo.

Uno dei testi antichi, il Mahabharata, un ampio poema di circa 215.000 versi descrive gli eventi accaduti nella città di Mohenjo-Daro, dove sia gli dei che i mortali erano avvolti in una guerra epica, oscurando le remote origini della città dai tempi del Mahabharata l’antica città negli anni 3103 aC durante il Kali Yuga, una specie di apocalisse avvenuta nel lontano passato che ha modificato gran parte della storia antica dell’India.

Ci sono centinaia e centinaia di domande senza risposta, ma ci sono testi antichi che offrono molte risposte nonostante siano considerati eretici e male interpretati dagli studiosi moderni.

È interessante notare che molti testi antichi fanno luce sui numerosi enigmi della storia e, se non quasi del tutto, illuminano il percorso di una storia davvero non raccontata che piega le possibilità della nostra storia scritta.

Come accennato in precedenza, uno di questi testi è l’antico Mahabharata.

Gurkha, volando su un vimana veloce e potente,
scagliò un singolo proiettile
carico del potere dell’Universo.

Una colonna incandescente di fumo e fiamme,
splendente come diecimila soli,
salì con tutto il suo splendore.

Era un’arma sconosciuta,
un fulmine di ferro,
un gigantesco messaggero di morte,
che ridusse in cenere
l’intera razza dei Vrishnis e degli Andhaka.

I cadaveri erano così bruciati
da essere irriconoscibili.

Capelli e unghie cadevano;
Le ceramiche si sono rotte senza causa apparente
e gli uccelli sono diventati bianchi.

… Dopo alcune ore
tutte le derrate alimentari sono state infettate …
… per sfuggire a questo fuoco
i soldati si sono lanciati nei torrenti
per lavarsi e le loro attrezzature “.

Un secondo passaggio:

“Dense frecce di fiamma,
come una grande cascata,
emesse sul creato,
circondando il nemico.

Una densa oscurità si insinuò rapidamente sui padroni di Pandava.
Tutti i punti della bussola erano persi nell’oscurità.
Il vento feroce cominciò a soffiare. Le
nuvole ruggivano verso l’alto, facendo piovere
polvere e ghiaia.

Gli uccelli strillavano pazzamente …

tutti gli elementi sembrarono alterati.
Il sole sembrava vacillare nei cieli
La terra tremava,
bruciata dal terribile calore violento di quest’arma.

Gli elefanti bruciarono in fiamme 

e corsero cercando refrigerio in una vasta area,
altri animali si accasciarono a terra e morirono.
Da tutti i punti cardinali le frecce di fuoco arrivavano 
continuamente e paurosamente. “- Il Mahabharata

Secondo molti ricercatori, questo antico testo controverso descrive perfettamente l’uso di armi nucleari 5000 anni prima che gli americani li usassero nelle città di Hiroshima e Nagasaki.

Allo stesso modo, ci sono molti testi che riguardano tutti i tipi di dettagli che illustrano l’esistenza di dirigibili (vimana) e razzi o missili capaci di raggiungere lunghe distanze.

Mentre come sempre dobbiamo rimanere con un piccolo senso di scetticismo, possiamo sostenere che il testo sopra menzionato non è originale, o la sua traduzione non è la più accurata. Tuttavia, ci sono molti altri dettagli che indicano una brusca fine degli abitanti di Mohenjo-Daro.

È necessario menzionare che c’è una grande contraddizione nel valutare le ragioni e le cause che potrebbero aver causato l’improvvisa scomparsa dalle mappe di una città antica come Mohenjo-Daro.

Anche se da un lato è stato ipotizzato che una possibile invasione abbia portato alla macellazione del suo popolo per mano di invasori, gli archeologi hanno trovato solo 30 scheletri nelle strade. L’ovvia domanda che dobbiamo porre qui è: dove si trova allora il resto della popolazione? Da dove viene il nome ‘tumulo dei morti’?

È possibile che la maggior parte della popolazione di Mohenjo-Daro sia fuggita prima della terribile invasione?

Mentre le forze invasori sono una teoria, alcuni archeologi ipotizzano che la città potrebbe essere stata abbandonata a causa di un improvviso cambiamento nel corso del fiume Indo, alcuni legano attorno al 1700 aC, ma non spiega altri misteri che circondano Mohenjo-Daro.

Sebbene siano stati trovati pochissimi scheletri, sembra che la morte sia arrivata molto rapidamente.

È interessante notare che esiste un cosiddetto epicentro di circa 45 metri di diametro al centro della città, dove il terreno e gli edifici sembrano essere cristallizzati come se fossero esposti a una massiccia fonte di calore.

Sugli edifici situati vicino al centro della città, i ricercatori hanno scoperto che i mattoni delle pareti che sono rivolti verso l’esterno e che guardano lontano dall’epicentro sono anch’essi fusi o sciolti.

Tuttavia, secondo i ricercatori, questo potrebbe essere stato raggiunto solo esponendo gli edifici ad una temperatura superiore ai 1500 ° centigradi.

Che tipo di armi avrebbero potuto causare effetti così devastanti sia alle persone che agli edifici circostanti? È possibile che, come sostengono alcune persone, Mohenjo-Daro sia stato davvero distrutto da un’esplosione nucleare?

Dato che questa ipotesi è considerata estremamente sensazionalista e molti credono che sia impossibile, non esiste un singolo studio serio che affronti la presenza di radioattività presente nella città di Mohenjo-Daro.

La presenza di oggetti e superfici che sembrano essere fusi o sciolti sono stati associati a forze della natura osservate in altre località come la Scozia, l’Australia e l’Egitto, tutti prodotti da raggi e archi elettrici di grande potenza.

Purtroppo, come con altre scoperte che sfidano la nostra storia, molti ricercatori hanno ignorato i numerosi misteriosi dintorni di Mohenjo-Daro e non hanno cercato di rispondere ai misteri dietro la sua improvvisa scomparsa e affascinante storia.

Quando pensi a Mohenjo-Daro e lo menzioni nella stessa frase con Armi Nucleari verrai chiamato teorico della cospirazione.

È interessante notare che non solo Harappa e Mohenjo-Daro sono gli unici luoghi in cui possiamo discutere questa ipotesi stravagante e chiedersi se sia plausibile, ci sono diversi luoghi in cui i ricercatori hanno rilevato le “impronte” di quelle che chiamano “possibili esplosioni nucleari in tempi antichi“. ‘.

A quanto pare, ci sono almeno tre punti principali nell’area tra le montagne di Rajmahal e il fiume Gange dove gli scienziati hanno individuato grandi strati di cenere e una presenza di radiazioni superiore alla media normale.

Ma resta curioso e fai domande che nessun altro è disposto a chiedere, resta concentrato e arriva sempre alla tua conclusione, chissà, forse dopo tutto i segreti dell’atomo e del nucleare erano noti agli antichi migliaia di anni fa.

A cura di Ufoalieni.it