E’ atteso per il 16 di luglio, l’incontro tra Putin e Trump previsto ad Helsinki. Apparentemente in questo incontro si discuteranno questioni internazionali, ma alcuni affermano che il motivo di questo meeting, sia l’organizzazione per respingere l’incombente minaccia dallo spazio.

Nell’ordine del giorno sono presenti temi di importanza mondiale, come la crisi ucraina e la situazione in medio oriente, e fin qui nulla di strano; ma le dichiarazioni schock dell’ex agente del KGB, Strelnikov Isaac Stepanovich sono di tutt’altro avviso: secondo l’agente segreto, Putin sta già organizzando importanti azioni militari top secret , atte a combattere diverse specie aliene che sono pronte all’invasione del pianeta Terra.

Secondo queste indiscrezioni, Putin tenterà di convincere Donald Trump ad unire le forze in un prossimo attacco interstellare atto ad annientare la razza umana: il lavoro per rafforzare l’alleanza tra le due super potenze, sarebbero stati avviati già nel novembre 2017, durante il meeting economico in Vietnam. Trapela infatti che Putin, avrebbe discusso insieme al presidente USA in quella sede, della minaccia aliena. Sarà una coincidenza, ma qualche mese dopo Trump ha immediatamente dato l’avvio ufficiale del progetto “Space Force”.


Stepanovich ha anche affermato che gli scienziati russi hanno ricalcolato l’orbita e la data dell’interazione di Nibiru nei confronti dei pianeti interni del sistema solare, compreso il pianeta Terra. Secondo le loro previsioni, il Pianeta X arriverà tra Marte e Giove in un arco di tempo tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021: l’interesse di Putin sembrerebbe essere quello di formare una “coalizione planetaria” per contenere i danni che Nibiru provocherà al nostro pianeta durante il suo passaggio. A questo proposito, il leader turco e il leader cinese Xi-Jing Ping sono già parte di questa coalizione. Dopo le Profezie su Nibiru del folle David Meade, cosa dobbiamo aspettarci ora?

di Monica E.

Per la Redazione Segnidalcielo