Chi non ricorda Giovanna, una donna italiana che affermò di essere stata rapita e fecondata dagli alieni che in più di un’occasione avrebbero rimosso i feti dal suo ventre diventato una sorta di incubatrice galattica?

Era il 2010 quando Giovanna decise di abortire scoprendo con orrore che il feto che le era stato tolto dal corpo aveva l’aspetto di un rettile per via dei suoi piedi palmati e il volto da girino. Secondo i dati emersi da alcune statistiche sembra che gli alieni preferiscono rapire i bambini e neonati come se le loro intenzioni fossero quelle di sottoporli a complessi esperimenti medici attraverso i quali intervenire direttamente sulla loro futura struttura genetica. Un altro particolare interessante è la particolare predisposizione dei bambini nel raffigurare graficamente degli strani Umanoidi che nel folclore ufologico vengono associati ai cosiddetti Grigi o Draconiani.

Secondo alcuni esperti, questi rapimenti possono essere correlati alla manipolazione genetica tramite la quale gli alieni vorrebbero creare una nuova razza di ibridi che a differenza degli umani, saranno destinati a differenziarsi per le loro particolari capacità intellettive. Si ignora la ragione per cui i bambini, gli adulti e gli ibridi vengono tutti immersi in strani e trasparenti tini contenenti una sorta di liquido amniotico. Numerosi sono i disegni fatti dai quei bambini di varie nazionalità e ceto sociale che hanno voluto illustrare delle invasive attività aliene tra cui l’immersione di esseri umani in enormi contenitori liquidi. Nel libro pubblicato dal ricercatore di fenomeni anomali, Alexei Priymy, si possono leggere inquietanti storie rese da testimoni oculari secondo i quali gli alieni starebbero cercando di persuadere gli adulti e soprattutto i bambini a salire sulle loro navicelle e volare via con loro.

Se si analizzano i numerosi, quello che emerge è che essi vengono perpetrati in modo ripetitivo ma soprattutto all’insegna di una sorta di cerimoniale fiduciario instaurato con le stesse vittime di abducion. Ciò che è emerge nei casi di abducion è la mancanza di preavviso visto che le vittime verrebbero rapite nelle ore notturne mentre dormono tranquillamente nel loro letto. Le relazioni rese dai bambini spesso riportano dettagli molto particolareggiati che sembrano avere molte cose in comune con i resoconti di rapimenti fatti dagli adulti, incluse le circostanze di tempo e di luogo, la narrativa e l’aspetto delle entità responsabili delle presunte abducion.

Spesso questi giovani addotti vivono in un contesto familiare in cui qualcuno potrebbe aver riferito precedentemente di aver vissuto terrificanti esperienze di abducion e questo potrebbe spiegare tutto .

via MisteroUfo