In diverse fotografie della Luna e di Marte è possibile vedere edifici di vari tipi tra cui le piramidi. Ma una domanda sorge spontanea: una razza aliena ha costruito edifici, piramidi e basi sotterranee nel sistema solare? Le molte immagini che possono essere trovate su Internet e alcuni libri, di solito sono censurate e non rilasciate ufficialmente e mostrano la presenza di strutture aliene nel sistema solare. Per la NASA tutto ciò non deve essere mostrato al pubblico. L’Ente spaziale USA ha sempre censurato questo tipo di immagini perchè telecomandata dalla struttura di potere della KABAL che vuole far vivere nell’ignoranza e rimanere all’oscuro di queste verità la gente del pianeta Terra.

Per i teorici della cospirazione, non vi è dubbio che la Luna , Marte e altri pianeti del sistema solare nascondano antiche vestigia appartenenti agli antichi viaggiatori dello spazio, ovvero, una razza tecnologicamente evuluta (forse gli Amunnaki?) che hanno colonizzato e  costruito strutture artificiali che non sarebbero state difficili da rilevare.

La teoria sulla presenza sulla Luna di strutture artificiali costruite da una razza aliena intelligente non è nuova. Nel corso degli anni, innumerevoli foto di strane luci e altre strutture anormali come piramidi e altri edifici, hanno attirato l’attenzione degli ufologi, secondo cui sarebbero stati identificati edifici con architetture complesse che non sarebbero state costruite dai primitivi terrestri.

Ad esempio la sonda spaziale “Clementine” è stata in grado di catturare foto ad alta risoluzione della superficie della Luna. Così durante oltre 300 orbite, ha avuto la possibilità di raccogliere dati significativi. Chi da Terra attendeva di vedere le immagini ad alta risoluzione è rimasto però molto sorpreso quando la Marina degli Stati Uniti che gestiva la missione Climentine, ha pubblicato la sua prima serie di immagini. Erano pesantemente pixelate, modificate in formato Gif a bassa risoluzione, come se fossero stati estratti pochi dettagli dalle immagini, che avrebbero dovuto essere invece messe a disposizione del pubblico.

Molte aree di interesse lunare erano state intenzionalmente oscurate, come se la NASA e la Marina nascondessero qualcosa di grosso. Lo si evince chiaramente nel caso delle immagini relative alla regione “Rainer Gamma“, una zona albedo larga 40 miglia a ovest del cratere Reiner. La spiegazione ufficiale del zona oscurata sarebbe la “perdita di dati“, ma sappiamo tutti che non è così.

Questa deliberata soppressione diventa ancora più evidente nelle famose foto delle torri lunari e non solo. Anche le immagini di Marte sono state modificate e molte oscurate per sopprimere la verità sulla presenza di strutture inspiegabili.

Una scoperta molto interessante su Marte riguarda quella in cui sono visibili molte strutture con chiari segni di costruzione fatte da esseri tecnologicamente evoluti. Queste sono antiche rovine aliene. Se fossero stati trovati sulla Terra, la gente non avrebbe esitazioni. Comunque questo è Marte, e dal momento che sapere che la vita aliena esisteva così vicino alla Terra avrebbe davvero scosso il mondo intero. Questo è il motivo per cui la NASA non vuole che il mondo lo sappia.

La NASA vuole mantenere il segreto per vedere se potrebbero trovare qualsiasi tipo di tecnologia aliena che potrebbe essere utile agli Stati Uniti. Immagina di trovare un computer rotto su Marte … e di riportarlo indietro, solo per scoprire che il computer ha una versione aliena dell’intelligenza artificiale. La NASA scarica il programma e lo integra nella tecnologia moderna di oggi, utilizzandola per controllare il mondo. Beh, questo sarebbe lo scenario più probabile.

misteriose strutture aliene fotografate dalla sonda Magellano

fotogrsfia in 3D della superficie di Venere evidenzia una struttura misteriosa

Ci sono prove fotografiche che qualcosa è stato costruito artificialmente sulla Luna, su Marte, su Venere e su altri pianeti del sistema solare. Esistono strutture sulla superficie del Pianeta Rosso e strutture su Venere, trovate in innumerevoli immagini tratte dalle sonde spaziali, come ad esempio la MRO della NASA che da molto tempo sta mappando tutto il pianeta rosso.

piramide su Marte

Dalla missione di Apollo alla Stazione Spaziale Internazionale, ci sono abbastanza immagini per creare una forte argomentazione quando si tratta di visite da parte di razze extraterrestri. Ci sono cose che persino la scienza non può spiegare. Che si tratti della Terra, della Luna o di Marte, il fenomeno UFO (oggi meglio Realtà Extraterrestre) è ovunque, e una delle dichiarazioni sconcertanti e più interessanti fatte negli ultimi anni viene dal Generale Albert Stubblebine, un maggiore generale che era anche il comandante generale ai comandi della Security Command (INSCOM), più esattamente,  a capo della US Army Intelligence.

Il Generale Albert Stubblebine dichiarò prima della sua morte, che su Marte esisotno strutture aliene collegate da tunnel sotterranei

Nella sua ultima intervista Stubblebine aveva dichiarato: “ci sono costruzioni sulla superficie di Marte, sulla Luna e su altri pianeti del sistema solare che sono opera di una antica razza aliena tecnologicamente evoluta. Ci sono edifici e altre strutture su Marte che sono collegate con aree sotterranee di dimensioni inimmaginabili. Ci sono anche macchine sulla superficie di Marte. Le strutture sotto la superficie di Marte ovviamente non possono essere viste dalle telecamere delle sonde come ad esempio la Voyager del 1976. Dico anche che ci sono macchine sulla superficie di Marte e ci sono macchine sotto la superficie di Marte che puoi guardare ma solo atraverso i “segni” della loro presenza. ”.

“Lo puoi scoprire solo in dettaglio, puoi vedere cosa sono, dove sono, chi sono e molti dettagli su di loro. I rover su Marte vengono inviati solo per far credere alla gente che Marte sia solo un pianeta desolato. Vero si, ma solo in parte ma ci sono alcune zone dove esiste ancora vegetazione e in alcune fotografie scattate dalla sonda MRO si possono vedere. Sotto la sua superficie si nascondono basi segrete e basi aliene antiche e sulla superficie ci sono piramidi e cupole che sono state anche fotografate e spesso le fotografie nascoste o manipolate dalla NASA.”

Massimo Fratini

Redazione Segnidalcielo