Sol Ahimsa la donna che comunica con gli alieni – David Parcerisa intervista Sol Ahimsa, terapeuta e pedagogo la quale racconta diverse esperienze e incontri con alieni, metamorfici e interdimensionali. Tra questi è presente la razza rettiliana che sembra averle causato diversi problemi nella sua vita, e gli esseri di aspetto insettoide. Successivamente Sol Ahimsa ha canalizzato messaggi di varie entità che hanno conferito una certa conoscenza proibita sull’evoluzione umana e le sue origini aliene.

Sol Ahimsa sostiene di ricordare avvenimenti che risalgono ai primissimi anni di vita. Già da piccolissima aveva delle strane visioni e notava delle presenze nella sua casa. La maggior parte di queste, di cui ricorda solo la sagoma, erano creature alate, ed essendo piccola pensava si trattasse di un qualche tipo di uccello. Crescendo ha sviluppato un’interesse per il mistico e inizia a 14 anni a studiare cartomanzia e astrologia, nel corso degli anni la sua sensitività aumenta man mano sempre di più.

Dagli anni ’80 comincia seriamente ad interessarsi delle entità che si presentavano ai sui occhi ed è testimone di fenomeni “bizzarri”, sostiene infatti di aver visto più volte camminando per la strada, persone che cambiavano i lineamenti. Tale fenomeno la porta a credere di aver perso la ragione, poiché alcune persone apparentemente normali erano in grado di mascherare il loro vero aspetto (una sorta di Visitors, la famosa serie degli anni ’80). Sol Ahimsa ebbe conferma della sua ipotesi (ossia, di persone in grado di mutare la loro forma) quando iniziò a partecipare ad alcune conferenze dove altre persone, a lei estranee, raccontavano lo stesso fenomeno.

Tuttavia, Sol riceveva nella propria casa visite non gradite da parte di questi strani esseri che a suo dire, hanno anche cercato di rubarle il corpo (durante la notte).

In quel periodo frequentava una donna per apprendere meglio a canalizzare. Pare che riuscissero a mettersi in contatto con alcune razze aliene. Lei però non amava questo genere di canalizzazioni perché le procuravano una forte emicrania. Ad ogni modo, riesce ad aprire un canale dove interferisce un entità negativa la quale cerca di prendersi gioco di lei facendosi passare per ciò che non è.

Erano i primi tempi, quando faceva pratica e cominciando ad avere qualche risultato. Un giorno mentre si trovava in compagnia della sensitiva, comincia a canalizzare percependo un’energia negativa che però si mostrava di un colore chiaro, sul bianco. Ad un certo punto Sol comincia a provare delle strane sensazioni, come se qualcuno stesse cercando di estrarre la sua energia dal corpo. Infatti, racconterà poi di essersi vista per metà fuori dal corpo, e fu a quel punto che (preoccupata) chiede aiuto alla persona che la stava assistendo. La sensitiva cerca di schiarire l’immagine visualizzata e nota un essere dall’apparenza sauroide, così decidono di interrompere il contatto.

Questa fu la prima volta dove Sol Ahimsa si trova (per così dire) faccia a faccia con un essere dall’apparenza rettiliana.

Gli esseri mutaforma dalle sembianze umane, che sostiene di aver visto diverse volte camminando per strada, pare non siano così rari. La donna afferma di sentire una strana energia quando le passa accanto e puntualmente se li osserva nota questo cambio di fisionomia improvvisa. Sol asserisce che le creature mutaforma si nascondono (per sua esperienza) sempre dietro sembianze di razza caucasica, mai orientali o neri.

Si è trovata a dover affrontare diverse brutte esperienze. Racconta di essere stata più volte in condizioni di catalessi, o meglio, si è trovata a letto senza riuscire a muovere un solo muscolo, e visualizzando delle creature aliene. E’ una condizione enigmatica (a seconda dei casi, traumatica) poiché non si è in grado di comunicare neanche con il proprio partner, come racconta Sol. Stanca di subire questa situazione s’impegna per combatterla da sola evitando di farsi trovare impreparata. La prima cosa da fare è vincere la paura, dopodiché bisogna proiettare una sorta di scudo energetico in grado di neutralizzare, sia il blocco che l’oscura presenza.

Non conosco questa donna, ma posso garantirvi che quest’ultimo consiglio è funzionale. E’ proprio in questo modo che molti anni fa ho eliminato questa situazione “scomoda” che mi si è presentata diverse volte nell’arco della vita. Ad essere sincero solo una volta ho visto un’entità scura sopra il mio corpo che poi (una volta reagito con convinzione) si è dileguata entrando no so come, attraverso il pavimento di quella casa in campagna che si trova in un’isola, dove trascorrevo le vacanze.

Sol Ahimsa la donna che comunica con gli alieni

RESTA AGGIORNATO SU TUTTI I NOSTRI ARTICOLI. METTI UN LIKE
loading...