Intorno alla stella Gj9827 sono stati scoperti recentemente tre super pianeti. Ad oggi sono stati confermati oltre 3.500 pianeti extrasolari. Molti di questi sono stati scoperti usando il metodo di transito e gli astronomi combinano le curve di luce delle stelle per trapiantare gli esopianeti con i risultati della misurazione del “movimento” della stella causato dalla presenza del pianeta per determinare la massa del pianeta e il suo raggio, quindi ottenere informazioni sulla struttura interna del pianeta. Durante il transito del pianeta, è anche possibile ottenere informazioni sulla sua atmosfera, poiché la composizione chimica dei gusci di gas dei pianeti determina il cambiamento nella loro permeabilità attraverso lo spettro. Misurando la profondità del segnale di transito a diverse lunghezze d’onda, gli scienziati possono ottenere informazioni sulla composizione chimica dell’atmosfera del pianeta e sulla sua temperatura.

Risultati immagini per star hd 7924

In un nuovo studio, gli astronomi guidati da Joseph Rodriguez dell’Harvard-Smithsonian Astrophysical Center degli Stati Uniti, hanno scoperto tre piccoli pianeti che transitano sulla stella GJ9827, che si trova a una distanza relativamente breve di 100 anni luce da noi. Questi tre esopianeti hanno raggi di circa 1,6; 1.3 e 2.1 Raggio terrestre, rispettivamente. Tutti appartengono alla categoria di super-terra, cioè pianeti che hanno masse nell’intervallo dalla massa della Terra alla massa di Nettuno.

Risultati immagini per star hd 7924

GJ9827 è una delle poche stelle note agli scienziati, attorno alle quali si possono trovare contemporaneamente numerosi esopianeti di dimensioni simili alla superficie della Terra, le cui atmosfere possono essere caratterizzate in dettaglio. In realtà, questi tre esopianeti sono di particolare interesse, poiché i raggi di due di loro sono nell’intervallo da 1,5 a 2,0 del raggio terrestre. Si prevede che la composizione dei pianeti le cui masse siano in questo intervallo saranno intermedie tra gas e pietrame; Inoltre, fino ad ora a disposizione degli scienziati ci sono pochissimi candidati allo studio.

I pianeti studiati in questa circostanza sono disegnati molto vicino alla stella madre – i loro periodi orbitali sono 1.2, rispettivamente; 3,6 e 6,2 giorni. La vicinanza alla stella determina le alte temperature su questi pianeti, che sono 1172, rispettivamente; 811 e 680 Kelvin.

A cura della Redazione Segnidalcielo