Triangolo delle Bermude: scompare aereo dopo essere decollato dalla Carolina del Sud e diretto alle Bahamas

0
69

Arriva da poco la notizia di un altro incidente inquietante di un aereo Navajo Pajo PA-31, che è scomparso nella misteriosa zona del Triangolo delle Bermude il 25 ottobre 2018, dopo essere decollato dalla Carolina del Sud e diretto alle Bahamas. L”aereo non è mai giunto a destinazione ed è scomparso dai radar alle 11.30 circa ora locale (4.30 pm BST).

Dopo 7 giorni dalla scomparsa dell’aereo, la Guardia Costiera non ha ancora dato notizia del ritrovamento nella zona dove c’è stato l’ultimo bleep sul radar. Nessuno sa cosa sia realmente successo al famoso pilota Amelia Earheart sul suo piccolo aereo Piper PA-31, il primo bimotore executive della Piper, che, grazie alla sua capacità di 6-8 posti, è adatto per l’impiego come aerotaxi e trasporto d’affari.

L’unico rapporto che si è venuto a conoscenza è che il pilota ha inviato un rapporto di emergenza in volo. Secondo la FAA, l’ultimo segnale radar ricevuto dal volo mancante era da qualche parte a circa 110 miglia a sud-est della città di Charleston. Le squadre di ricerca e soccorso guidate dalla USCG (Us Coast Guard) degli Stati Uniti, sono state inviate per iniziare le ricerche in quella zona per vedere eventuali segni di relitti di aeromobili e sopravvissuti. Ma cosa è successo a questo aereo passeggeri?

Il Triangolo delle Bermuda o il Triangolo del Diavolo è un’area del mondo in cui cose strane sono successe per secoli, come la scomparsa di navi e aerei. Non è un caso che proprio in queste coordinate, dove sono avvenute in passato altri episodi relativi alla scomparsa di aerei e navi, era proprio la zona dove si trovava il Piper PA-31. Sì, praticamente nell’area del mitico Triangolo delle Bermuda, forse una coincidenza, ma finora non è stato localizzato, dopo 7 giorni,  il relitto dell’aereo.

Oceani di inchiostro sono stati versati sull’argomento Triangolo delle Bermuda, quella sorta di “pozzo di S.Patrizio paranormale” dove sono scomparse centinaia di navi e una ventina di aerei e dove hanno luogo deviazioni dei campi magnetici, anomalie gravitazionali, improvvise formazioni di fitta nebbia, una quantità di avvistamenti UFO decisamente superiore alla media e molto altro ancora. Svariate ipotesi hanno accompagnato questi rapporti, tra di esse, la più controversa è la teoria secondo cui l’arcipelago delle Bahamas sia formato dalle cime dei monti del perduto continente di Atlantide, affondato in questi mari millenni orsono.

Sullla scomparsa di aerei e navi nella zona del Triangolo Maledetto, il fisico Dott. Grazyna Fosar, di Berlino, afferma: “Dal punto di vista della fisica, l’unica spiegazione ragionevole per queste misteriose scomparse, potrebbero essere collegate alla presenza di deviazioni nei campi magnetici è l’esistenza di “portali” verso l’iperspazio”.  L’ipotesi che le deviazioni magnetiche siano causate dalla presenza di “stargates” era già stata avanzata qualche tempo fa (sebbene, per quanto ne so, sono stato il primo a raccogliere dati effettivi a riguardo) e alcuni ricercatori hanno associato proprio alla presenza di questi “stargates” l’incidenza estremamente alta di avvistamenti UFO registrata in quell’arcipelago. Secondo il fisico potrebbero essere proprio questi Stargate o Portali dimensionali a manifestarsi nel momento del transito di navi e aerei.

A cura della Redazione Segnidalcielo