Secondo un nuovo studio, i ricercatori hanno trovato 2 strutture gigantesche situate a 2.896 chilometri sotto la superficie del nostro pianeta. Le strutture sono circa 100 volte più alte rispetto all’Everest, e la loro origine e composizione esatta è sconosciuta.

Le enormi macchie di dimensioni continentali si trovano sopra il nucleo terrestre e ora si ritiene che siano fatte di un materiale diverso da quello che comprende il resto del mantello.

Nel profondo del nostro pianeta; i ricercatori hanno identificato un certo numero di cose che mezzo secolo fa si pensasse fossero impossibili. Si scopre che ci sono alcune cavità che conducono all’interno della Terra, questi “cosiddetti” ingressi si trovano in tutto il pianeta.

Recentemente, i ricercatori hanno anche confermato l’esistenza di una fonte di ossigeno sconosciuta sotto il manto della Terra e un gigantesco oceano situato a circa 700 chilometri sotto la superficie.

Strutture gigantesche sopra il nucleo della Terra

Come puoi notare, il nostro pianeta è molto affascinante dall’interno.

L’origine e la composizione delle strutture simili a macchie rimangono un mistero, dicono gli scienziati.

Ora, un nuovo studio ha scoperto due enormi strutture simili a grossi grumi ciascuna circa 100 volte più alte rispetto all’Everest. Questi grumi di dimensioni contenute si trovano in cima al nucleo del nostro pianeta, 2896 chilometri sotto la superficie.

Le gigantesche strutture a forma di macchia o grumi si trovano sopra il nucleo terrestre e si ritiene che siano composte da un materiale diverso da quello che comprende il resto del mantello.

Gli scienziati ritengono che queste gigantesche strutture bizzarre potrebbero aiutare a far luce sul modo in cui il nostro pianeta è nato e potrebbe anche spiegare i meccanismi che sono responsabili delle eruzioni vulcaniche e della tettonica delle placche.

Più impariamo, sembra che meno sappiamo, poiché molte più domande vengono poste. Questa scoperta dei ricercatori della Arizona State University è descritta in un articolo pubblicato sulla rivista Nature Geoscience.

È interessante notare che, con sorpresa di molti, queste strutture si trovano sui lati OPPOSTI del nostro pianeta. Una delle strutture si trova sotto l’Oceano Pacifico mentre l’altra si trova sotto l’Oceano Atlantico.

Alcuni ricercatori si riferiscono a questi come “pile termochimiche” e per anni si è pensato che queste strutture fossero costituite da materiali del mantello, sebbene più calde della media.

Il nuovo studio fornisce ulteriori indizi che indicano che queste strutture possono essere chimicamente distintive.

Secondo il nuovo documento pubblicato, le macchie contengono materiali che sono stati spinti verso il basso dalla tettonica dei luoghi e potrebbero essere stati persino fatti di resti della formazione del nostro pianeta circa 4,5 miliardi di anni fa,

“Mentre l’origine e la composizione delle macchie sono ancora sconosciute, sospettiamo che siano importanti indizi su come è stata formata la Terra e su come funziona oggi”, ha detto Edward Garnero, della Scuola di esplorazione spaziale e terrestre presso l’Arizona State University.

Secondo gli scienziati, c’è ancora molto da imparare dalle misteriose strutture, ma nuovi dati dimostrano che questi massicci grumi simili a macchie sono molto più densi dei materiali del manto circostante.

Con ulteriori ricerche pianificate nella regione, il team di scienziati prevede che le misteriose origini saranno presto rivelate.

“Se un neuroscienziato trovasse una struttura sconosciuta nel cervello umano, l’intera comunità di scienziati del cervello, dagli psicologi ai chirurghi, perseguirebbe attivamente la comprensione del suo ruolo nella funzione dell’intero sistema,” ha detto Garnero.

“Mentre le pile termochimiche si concentrano in modo più nitido, speriamo che altri scienziati della Terra esploreranno come queste caratteristiche si inseriscono nel grande puzzle del pianeta Terra.”

Attendiamo ulteriori aggiornamenti futuri.

A cura di Ufoalieni.it