loading...

Il breve articolo pubblicato sul quotidiano russo Sputnik (sputniknews.com) tuttora on-line, riporta il seguente titolo: Pianeta fantasma si avvicina alla Terra!.

Sempre secondo il quotidiano russo, un pianeta fantasma si sta avvicinando alla Terra, il quale potrebbe portare ad una catastrofe. Lo comunica il quotidiano Ura.ru e lo hanno dichiarato gli astronomi dell’università dell’Arizona. Il pianeta fantasma non è visibile con il telescopio tradizionale. Gli astronomi studiano un pianeta invisibile analizzando l’orbita del pianeta nella fascia di Kuiper. Secondo i dati degli scienziati il pianeta fantasma modifica la posizione di comete e asteroidi.

Lo Space Telescope “Kepler”, originariamente progettato per la ricerca di segni di vita su pianeti extrasolari , ha inaspettatamente aiutato gli astronomi a ottenere informazioni cruciali su centinaia di asteroidi precedentemente sconosciuti che si trovano nella cintura di asteroidi tra Giove e Marte.

Ultimamente, grazie quindi alle osservazioni di Kepler, il team di scienziati ungheresi, ha registrato un cambio di direzione di asteroidi nella fascia di detriti che si trova tra il pianeta rosso e il gigante gassoso Giove, come se ci fosse qualche misteriosa forze che li devia dalle loro orbite. Il team guidato da Robert Szabo, non capiscono i motivi del cambio direzionale di questi asteroidi, che sono un potenziale pericolo per la Terra. Anche nella fascia di Kuiper gli astronomi hanno registrato cambi di direzione di Comete e asteroidi e nessuno ne conosce il motivo.

Immagine correlata

Qualcosa di insolito sta arrivando!

“E’ stato notato che questi macigni spaziali si sono mossi e cambiato direzione da poco tempo, forse per una perturbazione gravitazionale dovuta alla presenza di qualcosa di insolito che sta arrivando, forse un pianeta sconosciuto ma molto grande che perturba questa fascia di asteroidi.” ha dichiarato l’astrofisico Szabo.

Tra le altre cose, gli scienziati sono stati in grado di rilevare movimenti estremamente insoliti di altri asteroidi che si trovano nella zona tra Marte e Giove. Molti di loro sono i veri compagni degli asteroidi più piccoli della fascia dei Trojani che ruotano intorno alla parte interna del sistema solare. Gli scienziati non possono ancora spiegare le ragioni di questo fenomeno, ma altri esperti credono che (come detto sopra) si tratta della presenza di qualcosa di grosso, molto probabile che sia un pianeta di grandi dimensioni. Un oggetto massiccio sembra si stia avvicinando verso la parte interna del sistema solare aprendosi un varco, una strada, facendo rotta verso Giove e Marte, a due passi dalla Terra. Si tratta forse di Planet X?

Immagine correlata

Operazione Indigo Skyfold

Esiste una missione in corso Top Secret, che ha lo scopo di nascondere un pianeta alieno gigante che sta per cancellare la Terra. La missione – denominata Operazione Indigo Skyfold – presumibilmente coinvolge numerosi Politici di elite di potere e alti ufficiali militari che hanno alti incarichi in corso, che in tutti i modi vogliono coprire la prova della minaccia di Nibiru-Planet X. Esso ruota intorno a una cospirazione di lunga data che un pianeta mitico noto come Nibiru è in rotta di collisione con il nostro pianeta. Nibiru, che è anche conosciuto come Pianeta X, è un enorme pianeta che possiede circa 10 volte le dimensioni della Terra con una forza di attrazione gravitazionale molto potente.

loading...

I media mainstream e le  istituzioni scientifiche stanno lavorando duramente per evitare che il pubblico possa vedere il “grande quadro della situazione” tutto in una volta, stanno quindi costantemente sopprimendo dati scientifici preziosi e le prove per dimostrare l’esistenza di un sistema stellare che si trova in orbita con il nostro sistema solare.

Gli scienziati militari e la NASA hanno già provveduto a calcolare l’allineamento successivo di Planet X, che con i suoi effetti gravitazionali, sta provocando una serie  di forti terremoti su scala globale, smuovendo la Ring Of Fire, ovvero l’anello di fuoco e spostando cosi le placche tettoniche.

A cura della Redazione Segnidalcielo

loading...