Gli scienziati hanno ipotizzato che l’estinzione di massa dei dinosauri non fosse associata alla caduta di un meteorite o una cometa sulla Terra, ma al passaggio del sistema solare attraverso una nube molecolare cosmica.

Quando si tratta della minaccia cosmica, viene sempre in mente qualcosa di enorme. Un enorme ammasso di pietra proveniente da un’altra galassia, un buco nero, un’invasione di alieni. Ma potrebbe benissimo essere che la causa della nuova estinzione delle specie sulla Terra sarà qualcosa di silenzioso e poco appariscente.

Lo scienziato giapponese Tokuhiro Nimura suggerì che la causa dell’estinzione dei dinosauri non poteva essere un asteroide, ma una nube molecolare che avvolgeva la Terra. Era a causa di questa nube cosmica che la Terra si immerse nel crepuscolo e la sua temperatura calò notevolmente. Inoltre, con questa ipotesi, un grande numero di particelle di  “iridio” è coerente negli strati geologici di quell’epoca – potrebbe anche aver raggiunto la Terra dalla nuvola.

Estinzione melt-terziaria, dopo la quale i dinosauri sono scomparsi dal nostro pianeta – non è l’unica estinzione di massa delle specie. Eventi simili si verificano approssimativamente ogni 26-27 milioni di anni. Tale periodicità costringe gli scienziati a cercare oggetti spaziali che potrebbero diventare la causa dell’estinzione.

I candidati più popolari per il ruolo di “specie killer” sono la stella Nemesis ( nana rossa), ipoteticamente rotante ad una distanza di 1,5 anni luce dal Sole, e il misterioso Pianeta X che si trova da qualche parte alla periferia del sistema solare. Ma ci sono troppe incongruenze in queste teorie. Forse l’ipotesi delle nuvole molecolari, attraverso le quali il nostro pianeta periodicamente passa, sarà più prospera. Il problema è capire chi ha creato la nube molecolare. Forse il transito della stella Nemesis? Il Pianeta X-Nibiru? Le prossime ricerche ci faranno comprendere meglio di cosa si tratta.

A cura della Redazione Segnidalcielo

L’articolo Una Nube Molecolare Cosmica può distruggere la vita sulla Terra proviene da Segni dal Cielo.